Catalessi

A volte penso, scrivo, rileggo, correggo, cancello, elimino. A volte, semplicemente, l’insonnia mi aggredisce nel bel mezzo della notte.

Non c’é più vento
Che smuova una foglia
Non c’é nulla che mi invoglia
Procedo a passo lento
Oramai mi muovo a stento
Non sento più calore
Né ferita né il dolore
Mentre cerco
Di trovare una ragione
A tutta questa dedizione
Senza eco e senza senso
Con l’anima mi immergo
In un bagno di sole
Ho il cuore intorpidito
Resto senza parole

Come in un film muto
Non sento ciò che dici
Leggo dentro alle cornici
Io l’ho sempre saputo
Quando chiedevo aiuto
Vedevo la tua ombra
Avvicinarsi silenziosa
Avresti mai creduto
Che questo cielo terso
È una tavola d’immenso
Ed ogni tanto mi ci perdo
Con l’anima mi immergo
In un bagno di sole
Mi spingo fino al largo e
Trovo le mie parole

Mi libero dai sassi
Che ho raccolto coi miei passi
E non ho più paura
Ora guarderò davanti
Verso un’altra occasione
Volando sopra i muri
I luoghi e le persone

J

Annunci

8 pensieri riguardo “Catalessi

    1. Grazie! In effetti ci sarebbe anche della musica, penserò ad un modo per unire le due cose.
      Inizio anno non dei migliori ma la fine di un progetto può anche significare -come hai detto tu- libertà

      Piace a 1 persona

Rispondi a J Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.