Utopia. Anzi, utopìa

Dell’imperfetta ricerca dell’utopica perfezione.
Parole importanti e sontuose per dire che sono un semplice essere imperfetto ma ancora non ho ceduto alla realtà dei fatti.

Nonostante ogni giorno la vita mi ponga di fronte a un’innegabile dimostrazione della mia imperfezione psico-fisica, non riesco a resistere alla tentazione di sperarci ancora, di credere che i miei errori siano frutto del caso, di sfortuna, di eventi soprannaturali. Perchè non posso, non devo sbagliare.
E invece no! Sono umano, ho dei limiti (palesi e corposi), sbaglio perchè in certe situazioni non so come comportarmi, non per colpa degli altri ma per colpa MIA. Sbaglio perchè a volte non sono semplicemente all’altezza, perchè ho valutato male un momento o una persona. E dovrei imparare ad accettare tutto questo.
Invece no, non ci riesco: scavo, scavo, divido il dettaglio in invisibili atomi fino a perdere il senso dell’insieme e nella ricerca di questa fantomatica assenza di errore lascio il gusto dell’interagire con le persone, gli oggetti, i sentimenti.

Cercare la perfezione sempre e costantemente è un comportamento più nocivo di una dieta basata solamente sul menu del mc donald’s, incide negativamente sull’autostima, sulla sicurezza, sui rapporti sociali e sentimentali, produce un’ondata di stress che rischia di lasciare scorie stagnanti e provocare il famigerato “burnout” o esaurimento, per i non anglofoni.
Invidio moltissimo le persone equilibrate, quelle che riescono a trovare il giusto contrappeso ogni volta che stanno per sbilanciarsi, quelle che -diversamente da me- sanno trattenersi dagli slanci umorali inadeguati. E già che sono in fase utopica, mi piacerebbe avere la sicurezza che hanno le ragazze che al casting per il ruolo di Madre Natura di Ciao Darwin hanno uscite tipo “basta essere sè stesse” o “è un’opportunità importante, bisogna credere nei propri mezzi”. Tutto questo mentre mostrano le chiappe alle telecamere. Loro ci credono davvero.

Fossi in voi, a questo punto avrei già smesso di leggere da un pezzo, ai lettori più masochisti vorrei invece chiarire che questo articolo è uno sfogo personale, uso spesso questo blog come diario su cui scrivere di getto, per poi rileggere e cercare di capire meglio chi sono. Detto ciò, sentire il vostro parere -ammesso che abbiate tempo e voglia di condividerlo- mi arricchisce sempre.

J

Annunci

11 pensieri riguardo “Utopia. Anzi, utopìa

  1. a dirla tutta, l’ultimo capoverso, quello per masochisti, esprime un concetto che dovrebbero adottare in molti.

    tra il serio e il faceto: “se non riesci a ingrandire una cosa, adoperati per rimpicciolire ciò che sta intorno”, aforisma traducibile in: “la perfezione non la si raggiunge demonizzando e combattendo i propri limiti, la si raggiunge capitalizzandoli e trasformandoli in valori aggiunti”.

    Piace a 3 people

  2. Le persone vere sono quelle come te, scrivono di getto, di pancia, senza freni. Spero che ti sia servito, che alla fine tu abbia tirato un lungo respiro o sospiro. La perfezione stanca, annoia, ed è tremendamente falsa. Quando pensi che sia “tutto bello per essere vero” è perché non lo è.
    Evviva le persone che sbagliano, che sanno chiedere scusa, che sono belle così come sono, nella loro autenticità.

    Piace a 1 persona

    1. È un complimento troppo bello per essere vero. Sono una persona ben peggiore di quanto appaia sul mio blog, oddio, non sono un assassino né un politico ma resteresti delusa, fidati 😜

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.