Omissis

Omettere è la più onesta forma di vigliaccheria.

Non è una bugia, è una consapevole dimenticanza, se non si bada all’ossimoro.

Non si tratta di falsare la realtà ma di non pronunciarla.

Si può essere imputabili per qualcosa che non si è detto?

Non è forse l’atto più simile ad un delitto perfetto?

Riuscite davvero a biasimare un essere umano per non aver agito?

Non io.

Con buona pace delle conseguenze

Quando entrambi gli imputati omettono

Entrambi consapevolmente dimenticano

Entrambi non pronunciano la verità.

Con buona pace del sorriso

Che inopportuno spunta a farsi beffe di tutto

E di tutti.

J

23 pensieri riguardo “Omissis

        1. Non lo è (o meglio, sì ma non solo) e non vedo perché si dovrebbe sentire sempre questa impellente necessità di esporsi. Al resto del mondo interessa ben poco di ciò che pensiamo davvero, l’unico dovere che abbiamo è di prenderci le responsabilità di ciò che facciamo. O non facciamo.

          Piace a 1 persona

              1. Non dico che abbia una funzione, l’ho scritto alla prima riga, è un atto di vigliaccheria, di paura.

                "Mi piace"

  1. Come mi è capitato di dire altrove su questo tema, la bugia crea un mondo e l’omissione lo nasconde. La questione è sempre il rapporto che si ha con la realtà e quanto le si imputi di poter far perdere qualcosa/qualcuno. Tu fai un passo in più, parli di complicità. Ne faccio un terzo: una complicità così coesa può essere una buona base per, dopo averla superata a destra, accettare la realtà?

    Piace a 2 people

    1. L’omissione nasconde, sono d’accordo, non vedo però la relazione diretta con la bugia.
      Mi sembra plausibile omettere -non modificare- la realtà per spirito di autoconservazione, accettandola comunque per quello che è, senza doverla ‘sorpassare a destra’.

      Piace a 2 people

      1. bugia e omissione sono due risposte a una stessa domanda (per quanto riguarda la relazione diretta). Il sorpasso a destra indica il superamento dell’omissione, in un’ottica di percorso.

        "Mi piace"

        1. Il mio punto era molto meno elaborato, diciamo che ho installata la versione base dell’app Filosofia, quella che non contempla la sezione ‘percorsi’… omettere per evitare di tirarsi schiaffi in faccia in autonomia, omettere per non ferire una persona, omettere perché dire porterebbe solo svantaggi. È da vigliacchi, dicevo, ma è la versione più elegante di esserlo senza essere bugiardi.

          Piace a 1 persona

          1. (ossignur, non pensavo di filosofeggiare!)
            Non giudico, omettere serve, altrimenti non lo si farebbe, l’unico problema è il peso che l’omissione di lungo corso acquisisce… può diventare un ostacolo importante in alcune situazioni. Per questo ho inserito l’opzione superamento, sulla base della complicità instaurata (con buona pace dei tempi di ciascuno).

            "Mi piace"

  2. Era un marito perfetto finché il suo unico errore non li seguì fino a casa. È il sunto alla fine di un bellissimo film drammatico e horror dallo stile molto hitchcockiano… ed è
    del 2000 … Robert Lee Zemeckis il regista. Il mio pensiero a riguardo delle “omissis” è lì J. 🤭

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.