Seconda linea

“Non chiederti cosa possono fare i tuoi compagni di squadra per te.
Chiediti cosa puoi fare tu per i tuoi compagni.”

-Earvin “Magic” Johnson-

Cosa sarebbe il campione del mondo di Formula 1 Lewis Hamilton senza i propri meccanici e ingegneri? Sarebbe solamente un ottimo pilota senza un’auto da guidare.
Lo sport viene spesso utilizzato come parafrasi (nella sua accezione musicale) della vita di tutti i giorni, e chi sono io per sottrarmi a questa regola? Proprio per questo motivo ho preso in prestito come incipit un famoso aforisma di uno dei più grandi giocatori di basket NBA mai esistiti, nonché uomo e dirigente di spessore anche fuori dal campo, “Magic” Johnson.
Nella mia vita ho praticato diversi sport di squadra, ho fatto parte di un infinito numero di rock band senza capo né coda, crescendo mi sono sempre orientato verso attività di gruppo che avessero alla base la condivisione di un’esperienza pur richiedendo minore impatto energico come, per esempio, quella di regista/speaker radiofonico e giusto oggi riflettevo sul fatto che mi sia sempre scelto, all’interno di queste micro comunità, un ruolo marginale. Continua a leggere “Seconda linea”

Annunci

Anemone

Oggi avrei voluto uscire di casa, attraversare la strada ed entrare al market in pigiama e ciabatte, come un ‘piccolo’ Lebowski. Però senza vestaglia: un minimo di stile, s’il vous plait.
Ecco, se avessi avuto domicilio negli States lo avrei fatto, ve lo giuro, e invece mi sono messo sul divano con il mood della domenica fasciato nel suo bel completo grigio-malinconia, con la pioggia come perfetta colonna sonora e di getto è comparsa -prima nella mia testa e poi sul monitor del mio pc- questa “cosa” che vorrei condividere con voi.

 


 

Il vento di Tramontana sa di nuocere al fragile anemone

Ma non può nulla di diverso

Esso continuerà a soffiare

Non perché mosso da astio o indifferenza

Semplicemente perché questa è la sua natura

E porta con sé fredde lacrime di ghiaccio

Con le quali ricoprire i petali abbandonati

Su di un gambo appesantito dal gelo

 

J

Identità

Un’inconsapevole amica mi ha dato spunto per una riflessione sul tema dell’identità.
Parrebbe scontato rispondere alla domanda “ma io, chi sono?!?”, tutti o quasi abbiamo un nome e un cognome, un documento che certifica il luogo e la nostra data di nascita, insomma un riassunto molto breve del fatto che esistiamo.
Eppure non sono convinto che sia così semplice. Continua a leggere “Identità”

Tutto fumo e niente a posto

Non si dorme, e di questo me ne sono fatto una ragione.
Contavo sul fatto che i miei neuroni sfruttassero questo tempo rubato ad una componente vitale qual è il sonno per ragionare di cose importanti, per esempio cercando una cura per coloro che sbagliano a mettere le ‘H’ nelle frasi, lanciandole a manciate sulla tastiera e sperando vadano al posto giusto con le loro gambine.
Continua a leggere “Tutto fumo e niente a posto”

Marzo… ma poi mi risiedo sempre

E così è finita, finita anche questa settimana. Sì, lo so che ci sono ancora venerdì e sabato ma per me finisce qui, con la Fantozziana scena del badge passato svogliatamente sul lettore alle 6.13 della prima mattina di Marzo, che profuma già di primavera. Continua a leggere “Marzo… ma poi mi risiedo sempre”